Via Antonio Bardelli 4 - Martignacco (UD)

Sono oltre 1900 miliardi di Usd esportati illecitamente dall'Africa

Global Financial

L’Africa continua a pagare l’occidente anche con l’esportazione illegale di capitali
Da sempre pensiamo che l’Occidente inietta soldi in Africa attraverso gli aiuti e flussi di capitale proveniente dalle aziende private senza ricevere mai nulla in cambio. Anche questa storia può essere raccontata in modo diverso come ha fatto l’ultimo rapporto del CFI (GlobalFinancial Integrity) e BAD  (African Development Bank)
AfDB-Heat-Map-Page550x482Il continente africano che è stato e lo è tutt’ora, un creditore netto nei confronti del resto del mondo, nel corso di questi ultimi anni al contrario dall’Africa sono usciti capitali illeciti  per circa 1900 miliardi di dollari tra il 1980 e il 2009. Una somma equivalente  all’attuale PIL africano che hanno messo il freno allo sviluppo del continente. Una strategia in qualche modo sostenuta dall’occidente che ha sicuramente contribuito, con le sue politiche e con la necessità di drenare risorse strategiche, ha consolidare la corruzione e il malaffare. Certo anche gli africani ci mettono del loro ma non lamentiamoci se anche loro hanno appreso le nostre tecniche e le nostre cattive abitudini.
Il rapporto intitolato appunto I flussi finanziari illeciti e il problema del trasferimento netto di risorse da Africa: 1980-2009  non analizza quello che stà dietro dietro a questi flussi finanziari illeciti, e non prende in considerazione i flussi di denaro, spesso scambiato in contanti, generati dal traffico di droga, della tratta degli esseri umani e di altre attività criminali. Ma osserva con specifici casi di studio  che  i trasferimenti di capitali fuori del continente possono avere avuto  un effetto negativo sullo sviluppo economico.
“Il continente africano è ricco di risorse naturali. Con una buona gestione delle risorse, l’Africa sarebbe in grado di finanziare gran parte del suo sviluppo stesso “, ha detto Mthuli Ncube, responsabile della BAS (Banca Africana per lo Sviluppo). Gli fa eco il capo economista  di GFI , Dev Kar “ “Più di mille miliardi di dollari sono stati fraudolentemente portati fuori dall’ Africa, eclissati. Limitare questi deflussi, prosegue l’economista,  dovrebbe essere di primaria importanza per i responsabili politici africani e occidentali. Questo drenaggio di risorse, influenzato dall’attuale  clima economico sfavorevole e dalla  scarsa governance globale,  ostacolano la crescita economica. Il tasso di crescita più basso porta ad una maggiore dipendenza nei confronti l’aiuto, e si tratta di denaro dei contribuenti stranieri che compensa il calo delle entrate nazionali – nella misura in cui la fuga fiscale è uno dei flussi illeciti. ”
Ci sono anche delle raccomandazioni politiche per stimolare il trasferimento netto di risorse provenienti da Africa, e contenere i flussi finanziari illeciti. “Per ogni Paese che perde soldi illecitamente, c’è un altro paese che riceve il denaro. Queste uscite sono facilitati dal opacità finanziaria osservato nelle economie occidentali avanzate e paradisi fiscali. L’attuazione di misure di trasparenza per limitare la segretezza dei paradisi fiscali e le operazioni della società di comodo anonime è fondamentale se vogliamo frenare i flussi illeciti “, ha detto Raymond Baker, GFI.

Preferenze Privacy
Quando visiti il ​​nostro sito Web, può memorizzare informazioni attraverso il tuo browser da servizi specifici, di solito sotto forma di cookie. Qui puoi cambiare le tue preferenze sulla privacy. Si noti che il blocco di alcuni tipi di cookie può influire sulla tua esperienza sul nostro sito Web e sui servizi che offriamo.
DONA ORA